Il volto “umano delle elezioni che strappa un sorriso…

zzz
seguiteci sulla pagina Facebook Voglia di libertà

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

 

Le elezioni saranno anche una macchina complessa, ma alla base ci sono sempre e solo uomini.

Scrutatori nei seggi, forze dell’ordine. E un dato a cui non si pensa mai: le elezioni di solito avvengono nelle classi dove, di solito, passano il tempo i bambini che nelle aule hanno le loro cose.
La scusa per riflettere su tutto questo arriva da una singolare foto scattata in una scuola savonese.

Gli allievi, preoccupati per la sorte delle loro piante, hanno pensato bene di lasciare un cartello attaccato alla lavagna: “Cari carabinieri che dormite qui, potete dare da bere alle piante di zucca che abbiamo piantato fuori vicino alle scale? Grazie”. Firmato: i bambini di I°.
Un cartello che deve aver strappato più di un sorriso agli agenti di polizia in servizio in quel seggio, nella sua tenerezza e semplicità. Tanto che hanno deciso di “passare sopra” all’errore dei bambini ed esaudire il loro desiderio, non senza lasciare loro una risposta: “Siamo poliziotti, ma abbiamo dato l’acqua lo stesso! Ciao”.